Dintorni di Levanto: Bonassola

Continua la nostra rubrica sui dintorni di Levanto perché vogliamo offrire tantissime alternative ai nostri visitatori che si fermano qualche giorno in più da noi. Oggi vi portiamo a Bonassola, la nostra vicina di casa piccola e graziosa che conta meno di mille abitanti e un territorio esteso su circa cinque chilometri, ma che sa stregare con i suoi paesaggi.

Bonassola si trova a breve distanza da Levanto (sono circa 6 chilometri di strada se vi spostate in macchina) e sorge tra un territorio verdeggiante di vigneti e pini marittimi con un golfo e una spiaggia molto ampia per gli standard liguri. Queste caratteristiche fanno sì che Bonassola sia una meta perfetta per chi cerca riposo e tranquillità e anche per chi viaggia con i bambini.

La sua storia è antica e tutt’oggi incerta, nonostante questo è stata accertata la presenza umana molto prima della colonizzazione romana nelle terre dei Liguri. Oggi questo borgo marinaro deve il suo sviluppo alle attività legate al turismo. Ecco tutte le informazioni utili per raggiungere Bonassola da Levanto e su cosa visitare.

bonassola

Photo Credits: Zanotti Ivan su Flickr

Da Levanto a Bonassola: come arrivare

Bonassola è facilmente raggiungibile da Levanto con il treno, si tratta di una sola fermata sulla tratta Genova-La Spezia e 4 minuti di percorrenza. Per gli orari vi suggeriamo di guardare questo post in cui aggiorniamo sempre le partenze stagione dopo stagione. 

Se potete, evitate di utilizzare la macchina (specialmente in alta stagione) perché i parcheggi sono limitati e le alternative sono a portata di mano. Oltre al treno, infatti, un modo unico per raggiungere Bonassola da Levanto è attraverso la pista ciclabile sull’antica tratta ferroviaria sul lungomare, anche conosciuta come Ciclopedonale Maremonti. Si può percorrere sia in bicicletta sia a piedi perché c’è anche una striscia riservata ai pedoni. Ve ne abbiamo parlato in questo post.

maremonti-bonassola

Photo Credits: bill anderson su Flickr

Da Levanto a Bonassola: cosa vedere

Bonassola solitamente si frequenta per il mare cristallino e la spiaggia incorniciata dal verde della macchia mediterranea e per fare due passi nel grazioso centro cittadino con le case colorate in stile ligure. Sono molto carine, inoltre, le frazioni abbarbicate alle spalle della spiaggia e del borgo. Il territorio comunale, infatti, è costituito da otto borghi storici: il centro abitato, a cui si vanno ad aggiungere le frazioni bonassolesi.

Se state cercando dei panorami mozzafiato in cui perdervi vi consigliamo una passeggiata in due punti panoramici veramente suggestivi: la Madonnina della Punta con la sua chiesetta rosa a picco sul mare e, dalla parte opposta, Punta del Carlino, che si raggiunge con uno stretto sentiero sul mare immerso nei pini. Un altro bel panorama lo potete osservare dal Castello.

bonassola-punta-del-carlino

Photo Credits: Susanna Ceaglio su Instagram

La chiesa barocca di Santa Caterina d’Alessandria è la chiesa parrocchiale di Bonassola e conserva al suo interno diverse opere scultoree e pittoriche. I festeggiamenti per la patrona Santa Caterina di Alessandria sono il 25 novembre.
Un altro punto di interesse è l’ex oratorio di Sant’Erasmo edificato agli inizi del XVI secolo, oggi sconsacrato e adibito come sala museale per convegni e mostre.

Eventi a Bonassola

Tra gli eventi più rilevanti che si svolgono a Bonassola c’è la Festa della Madonna del Rosario nel primo fine settimana di ottobre. Si tratta di una festa religiosa unita a mercatini e fuochi d’artificio. Per il Corpus Domini, in genere all’inizio di giugno, ci sono diverse celebrazioni, religiose e non.

A Ferragosto si tiene la festa del Premio L’Ucca, una festa goliardica durante la quale chi si è comportato in maniera molto eccentrica (“ucca”, appunto) nel corso dell’anno viene preso in giro con rime spesso irriverenti da un gruppo di incappucciati.

Rispondi

  • (will not be published)